Posts Tagged ‘culona da monta’

La Risacca

February 18, 2017

la-risacca

La risacca del grasso che ti cade sopra

I cuscini di puro grasso MsSuperdome

May 14, 2010

Con due cosce cosi’, l’unica cosa da fare e’ procreare. Cosce cosi’ grosse non possono avere altro intento che stimolare la procreazione. Di certo non sono fatte per camminare, ne’ per scappare da eventuali predatori, con tutto quel volume bolleggiante. Ne’ sono fatte per muoversi in fretta, sotto il peso di svariati chilogrammi di grasso. E allora, per quali ragioni credete che le sue cosce si siano ingrassate cosi’ tanto? L’unica ragione e’ per supportare la procreazione. Una donna cosi’ non cammina, si fa servire. Una donna cosi’ non scappa, ma cattura i suoi predatori, dall’alto del suo metro e novanta di altezza, e dal largo dei suoi 190 cm di fianchi. Tutta quella carne e’ li’ solo per covare l’amplesso piu’ intenso e la prole piu’ forte, in un mare infinito.

(photo is (c) mssuperdomebooty.com)

Tanto buon burro lungo le cosce di QtPie, ricoperte di lussuosa cellulite

October 28, 2009

qt_prev29_ff

QtPie è da prendere da dietro, aggrappandosi prima ai suoi fianchi, tutti da palpareggiare con volutta’ per rassicurassi della grassezza di questa femmina da monta. Ma durante la suddetta monta, io le accarezzerei soprattutto le coscione, godendo dei loro enormi mucchi di carne increspati di cellulite. Le palperei le cosce come se impastassi delle uova con la loro copiosa farina inzuppata fradicia di burro. E in mezzo a quelle montagna di carne impianterei il mio seme, nuotando nel suo mare, felice di fare crescere nel lusso più’ sfrenato i frutti del mio amore.

(Photo (c) courtesy of qtpie.bigcuties.com/)

Approfittarsi del lardo di tua moglie, soppesando i quintali di carne ammassati sul suo culo

September 2, 2009
thighs so fat are to be loved and loved some more - I'd cherish those mountains of cellulite my every waking moment

thighs so fat are to be loved and loved some more - I'd cherish those mountains of cellulite my every waking moment

Non resisto quando la mia donna mi passa di fianco con sto culo carico di cellulite, non riesco a non allungare la mano e a non lasciarmi andare a compiaciuti apprezzamenti. Non ho mai visto un culo così grasso in Italia. Ha questo culo a montagna, ‘ste due enormi colline di carne, gonfie, bolleggianti, tutte increspate di cellulite da fare invidia a una scrofa da ingrasso. Delle bolle di lardo che ti viene voglia di leccarle e succhiarle, fino a morderle. Altro che buccia d’arancia, qui si vede del vero lardo, sparso un po’ ovunque a gnocchetti grossi come biglie, visibili anche da sotto un vestito.

Un davanzale, una mensola arrotondata e carica di cibo di cui godere. Uno scaffale carico di carne, da stringere, palpare, leccare per giornate intere.

E allora come si fa a non approfittarsene, a non sollevare come sacchi quei 2 quintali di benessere? Come posso non dirle, “bella femmina da ingrasso, ma quanto sei tanta… fammi sentire quanto sono obese le riserve del tuo grembo: fatti palpare, dai, che avrai due quintali di lardo su quel culo!”

Sollevo quelle pesanti montagne e le soppeso, come se fossero due fiorentine. Le alzo e le stringo, cercando di palparle tutte. La marea di grasso si muove come un mare, e come un catino d’acqua cade giu’ quando la lascio precipitare. Rimbalza sguignola con fragore, dappertutto. Balla come una canoa in un maremoto, mentre cerchi di riafferarla.

E io godo nel palpare una donnona cosi’, una gigantessa materna, fertile, piena di vita, innocente ma sessuale come la piu’ esperta delle prostitute. Una donna da possedere, e da cui essere posseduti, perdendosi nell’abbondanza delle sue forme.

(Photo (c) courtesy of qtpie.bigcuties.com/)


%d bloggers like this: