Mating the last day of the year

monta mattutina

I started my New Years Eve like that, mounting my femmina.

Appena svegliati da una notte di riposo, ci siamo baciati, ancora sdraiati su un fianco. Il contatto con il suo corpo morbido e avvolgente ha risvegliato subito i miei istinti. Ci siamo abbracciati, io l’ho palpata, lei si e’ fatta palpare. Poi ho iniziato a convincerla a girarsi a pancia in giu’, a stendersi e a rilassarsi del tutto, scoprendosi le cosce e le natiche. Ho dovuto promettere di dedicarle tutto il mio amore, ogni volta che lo volesse. Ho dovuto promettere di comprare piu’ cioccolata, quella al latte. E allora si è girata, si e’ abbassata le mutandine, si è tirata su la maglia del pigiama, e si e’ stesa a pancia in giù, semplicemente. Una montagna, di fronte a me. Le sue cosce, sebbene gentilmente allargate, mostravano un vasto letto di lardo, tutto continuo da destra a sinistra. Le sue natiche sono talmente spesse che non deve nè mettersi a calalcioni, nè flettere le ginocchia per farmi accoppiare. Devo solo spostare un po’ di rotoli di grasso all’interno delle sue cosce, e immergermi in lei.

E così l’ho montata. Mi sono adagiato e mi sono spinto dentro di lei, come in un mare. Lei mi ha inghiottito. Io ho ammirato le cosce recentemente ingrassate, non mentisco quando dico che saranno almeno 90cm ciascuna. E i fianchi da balia, grassi e rigonfi. L’ho abbracciata da steso, adagiato su di lei, il mio corpo dentro il suo, infilando le mani lungo i seni, la pancia, e giù lungo la vita, sul basso ventre, e giù attorno alla sorgente della vita, fino a toccare la parte superiore delle cosce, grassissima. Quella zona del corpo è ricolma di cellulite.

Sono venuto così, palpandola come una mucca da carne. I told her that I adored her, that I loved how fat she was, that I loved all the flesh on her thighs. I squeezed her flesh as I was mounting her. She just layed there, opening her legs little by little. Even as she opened, rolls upon rolls of flesh unfolded, now touching my sides. She is really soft. E’ una Afrodite talmente grassa che si può fare scopare anche da stesa.

(photo is (c) mercedesbbwpears.com)

Katrina booty mountain

(photo is (c) supersizedbombshells.com)

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

One Response to “Mating the last day of the year”

  1. northern goddess Says:

    Il bello di montare una donna così enorme è che se il membro scivola via dalla sua sede si fatica quasi ad accorgersene, tanto è il piacere che si continua a provare racchiusi tra quelle due enormi natiche. È lei infatti a doverci informare che stiamo stantuffando a vuoto.

    E poi, com’è bello svegliarsi e trovarsi sempre in equilibrio sul bordo del letto, perché i rimanenti due terzi del materasso sono occupati da lei.

    Infine, quanto mi piacerebbe dormire con Katrina!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: