L’ingrassamento delle coscione di Asshley dal 2004 al 2008 (per non parlare dei fianchi)

asshley-cosce-04-08

This is cellulite heaven, those legs must be so soft and squishy you can swim inside them

bella cosciona lardosa
come sei tanta
e come sei piena
fammi leccare tutto quel grasso
fatti baciare
fatti adorare
come una dea
fammi succhiare la tua cellulite
prendimi
stringimi
fatti leccare
adorare il tuo lardo
e infine cullami
nella tua abbondanza divina

Guardate quanto si è ingrassata Asshley. La foto a sinistra sarà approssimativamente del 2003 o 2004 (è una stima, non ne ho la certezza). La foto di destra è del settembre 2008.

In 4 anni circa Asshley da ragazzotta in carne si è trasformata in una magnifica madre terra, munifica e generosa nel suo offertorio carnale, tutto da stringere e adorare. E’ diventata una Dea di carne grassa, bella pasciuta in ogni lato del suo corpo. E’ una bomba del sesso, e da sesso reiterato e continuo.

Asshley nel corso degli anni ha accumulato quintali di grasso un po’ ovunque, fianchi, gambe (!), braccia, ha messo su pure una bella vasca di tette, ma soprattutto ha privilegiato l’ingrassamento delle cosce. Come darle torto: ora c’ha due cosce che invitano proprio alla procreazione!

Da quelle quelle lunghe e morbide gambe si alza un inno che proviene da lontano, da tempi immemorabili. Un inno di abbondanza e lussuria, un inno al sesso sfrenato, primitivo, disinteressato.

Non so voi, ma io se mi trovo davanti due cosce così, penso solo a sdraiarmi in mezzo a tutta quella cellulite e a crogiolarmi dentro quella morbidezza infinita. Quelle curve a me ispirano riproduzione. Sì, riproduzione. Ossia non credo di riuscire a tirarmi fuori da quell’abbraccio carnoso, sono cosce talmente gonfie di lardo che ti prendono, ti avvolgono tutto e ti succhiano dentro, in un mare soffice, caldo, protettivo. Ti cullano e ti seducono, ti stringono e ti fanno nuotare, ti fanno sentire onnipotente come un dio.

Con delle cosce così obese l’unica cosa che puoi anzi che vuoi fare è venire dentro. Cioè voi cosa fareste? Accoppiarsi per procreare, come gli animali. Anche il Papa dovrebbe esserne contento.

Infatti, io la porterei a farla benedire, anche se non credo in nulla se non nella carne. Pero’ vorrei che il prete vedesse le cosce di Asshley e si rendesse conto che il piacere della carne, quando questa è tanta, porta a dio. Per prima cosa direi a Asshley di sollevarsi la gonna e mostrare le sue coscione. Poi le darei un paio di manate, giusto per fare notare al prete la loro burrosità.

“Guardi qua Don Antonio, guardi che razza di cosce, questo è un mare di lardo… ma lo sa che solo 3 anni fa erano la metà?”

Afferrerei un bel gnocco di lardo, lo palperei per bene, e poi ne prenderei un altro, poi un altro ancora, e così via, palpando sempre, come un affamato.

“Vede Don Antonio, è tutto ‘sto grasso che mi fa adottare i predicamenti di dio. “Il seme non va sprecato.” Ed è vero. Infatti, io quando sono in mezzo a tutta ‘sta carne godo talmente tanto che l’unica cosa a cui penso è fecondare la mia donna”

Sarei sincero, penso che lui apprezzerebbe…

“Quattro anni fa la mia donna voleva avere un figlio, ma io rifiutavo sempre, e copulavo come un peccatore senza rimorso. Poi iniziò ad ingrassarsi, ad ingrassarsi sempre di più, convinta come era che con il corpo adatto mi avrebbe purificato. Dai suoi 70 chili iniziali ora ne pesa più del doppio, 156… e ha avuto ragione, ora il pensiero del figlio non mi terrorizza più, anzi, lo voglio anch’io. Per farle capire, guardi com’era a 70 chili, vede, le sue cosce erano la metà… e invece guardi qua che roba adesso, guardi quanta roba che c’ha, cinque o sei strati di cellulite, chi lo sa, una cosa pazzesca…”

E così dicendo accarezzerei la cosciona obesa di Asshley in su e in giù, spingendo il palmo verso l’interno per evidenziare la pienezza e la morbidezza.

“Ha proprio gnocchi sopra gnocchi di cellulite, per non parlare dei fianchi, guardi qua… cara, fai vedere a Don Antonio, così te li benedice…”

E mentre Asshley si tira su la gonna per mostrare i fianchi noterei l’erezione del povero parroco, ma dopotutto è un uomo anche lui.

“Cioè, vede che fianchi, Don, vede quanto son cresciuti? Con dei fianchi così larghi non penso più a nulla… forse si chiederà, sembra quasi che siano lievitati, ed è vero. Il fatto è che continuando a buttare chili e chili di grasso sul culo e sui fianchi, questi si sono alzati, inspessiti, ed allargati. ‘Sti gnocconi qui sui fianchi in particolare si sono ingrassati moltissimo, ora davvero non tocco il fondo quando glie li strizzo durante la monta. Son cose che rassicurano… il nostro pargolo li nella pancia avrà un’abbondanza di nutrimento che prima non poteva avere… e poi penso che sarà più forte perchè il mio orgasmo è assai più intenso adesso che mia moglie è così tanta. Quindi, volevo chiedere se può benedire le grazie di mia moglie, e soprattutto vorrei che consigliasse al suo gregge di ingrassare le proprie donne, e a dio di ingrassare i loro fianchi e le loro cosce, perchè credo che tutti abbiano il diritto di poter crescere i propri pargoli in mezzo a due metri di fianchi. E poi, è il miglior anti-anticoncezionale, mi creda, perchè quando sei in mezzo a due coscione da un metro di circonferenza ciascuna, l’unica cosa a cui pensi è inzuppare le tue mani nel lardo e fecondare la tua compagna.”

Thank you Asshley for putting all that flesh on your thighs and for fattening your hips! You now look like a true Goddess.

Photos (c) BigButtAsshley.com

Tags: , , , , , , , , , , , ,

2 Responses to “L’ingrassamento delle coscione di Asshley dal 2004 al 2008 (per non parlare dei fianchi)”

  1. Sephiroth 1311 Says:

    Ashley è da santificare come esempio da seguire per le donne. 🙂

  2. Asshley stesa sul letto che mostra le cosce impienite di grasso « Fat Curvy Stories Says:

    […] con le sue coscione stracolme di lardo, ingrassate a dovere nel corso degli anni, come si era detto in questa sede tempo fa… come fare a resisterle? Come non buttarsi a bocca aperta sopra quel ribollire di cellulite, […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: